Tutorial Babbo Natale


Quelli mignon sono fatti con due quadrati poco più piccoli di 2 cm


Dopo aver svelato a cosa sarebbe servito il mini Babbo Natale ecco il tutorial di come si realizza!

Per chi si è perso il post precedente lo potete trovare a questo link.


Abbiamo bisogno di 2 quadrati di carta bicolore rossa da un lato e bianca dall’altro (a meno che non vogliate fare dei Babbo Natale hippie, allora potete sceglierla anche fucsia a pallini verdi).

Io ho usato due quadrati di 6,5 cm per lato ed è venuto un babbino di circa 8 cm , ma per iniziare consiglio di usare dei quadrati un po’ più grandi, soprattutto ai principianti.

Con il primo quadrato creeremo la testa col cappello. 
Cominciamo con il lato rosso verso l’alto e pieghiamo due piccole striscioline che andranno a formare la fascia bianca del cappello. Ovviamente più le fate spesse, più la fascia sarà spessa.

Pieghiamo un piccolo triangolino che sarà il pom-pom del cappello.


Capovolgiamo il foglio e pieghiamo i due lembi del cappello. 
A seconda di come piegherete queste due parti vi verrà 
fuori una testa più grande o più piccola.

Capovolgiamo di nuovo il foglio e pieghiamo un piccolo triangolino in basso. 
E’ la base della testa, quindi più sarà grande il triangolino, più sarà piccola la testa.

Ripieghiamo la punta del triangolino verso il basso facendolo uscire dal bordo. 
Questo lembo andrà a formare il collo.

Infine pieghiamo il cappello nel modo che più ci piace.

Con l’altro quadrato andremo a creare il corpo.
Partiamo sempre con il lato rosso verso l’alto e pieghiamo di nuovo due striscioline, 
che andranno a formare la cintura e la fascia bianca dei pantaloni. 
Fate attenzione che stavolta le striscie non si toccano, ma sono sui due lati opposti.

Capovolgiamo il foglio.
Pieghiamo a metà, facendo attenzione di mantenere le striscie bianche 
sempre una sotto e una sopra e riapriamo il foglio.

Pieghiamo i due lati esterni verso il centro, facendoli combaciare con la linea di mezzo 
che abbiamo creato con la piega di prima.

Adesso piegheremo le braccia.
Apriamo i due angoli centrali del foglio verso l’esterno creando 
una specie di colletto (più facile a farsi che a dirsi).

Adesso pieghiamo il lato superiore verso il basso. 
Abbiamo quindi creato il corpo del babbino.


Per finire, dato che un Babbo Natale senza testa è un po’ macabro, 
incolliamo la testa sul corpo e il gioco è fatto!!!

E’ una decorazione natalizia molto semplice e carina che potete 
provare a fare insieme ai vostri figli e chissà, 
magari spedirlo assieme alla letterina per Babbo Natale 😉

Finalmente si addobba!

Meno 15 giorni a Natale!!!

La cosa più bella di questo periodo è l’atmosfera che si respira. 
Addobbi e decorazioni inondano le strade, i negozi e le case.
Finalmente si può dare libero sfogo alla scintillaggine che c’è in ognuno di noi (perché c’è…anche nella persona più semplice e sobria di ‘sto mondo…nascosta, ma c’è).

Si va in garage o in cantina e si tirano fuori scatoloni di addobbi, alcuni quasi dimenticati.
Così inizia la magia del fare l’albero!
E il pomeriggio passa, tra chiacchiere, ricordi e una buona tazza di cioccolata calda.


Per me il Natale è un momento un po’ malinconico.
Così, per non pensarci, ho fatto anch’io l’albero! Ma in stile RavaNello 😀
Il modello di questo alberello origami è di Jo Nakashima.
Il video tutorial per realizzarlo lo potete trovare a questo link.
E per l’albero c’è sempre bisogno di nuove decorazioni!

Questi boccettini li comprai in fiera quest’autunno.
Non avevo minimamente idea di cosa metterci dentro finché un giorno venne l’illuminazione!
Ma non lasciatevi ingannare dalla foto: il boccettino è alto poco più di 4 cm ed è largo circa 2cm.
Infatti il babbino dentro è microscopico (è piegato con due quadrati di 1,8 cm per lato).
Il tutorial lo trovate qui.


Poi da cosa nasce cosa e ci è uscita anche la stellina! 😀

Decorazioni “mostruose”


Ormai Halloween è alle porte!
Io sono pronta e voi?

Se siete agli sgoccioli, volete decorare la casa all’ultimo minuto ma non vi va di andare per negozi a raccattare tutto quello che sia di colore nero e arancione, allora possono fare al caso vostro queste decorazioni “orrorifiche”.

Vi presento i protagonisti della ghirlanda autunnale del banchetto RavaNello!

Video tutorial
Video tutorial
Video tutorial
Video Tutorial

Due parole sul ragno.
Dopo accurate ricerche ho scelto questa versione perché la trovavo la meno realistica e allo stesso tempo la meno banale tra tutte. Se provate a fare una piccola ricerca su internet vi accorgerete di quante specie di ragni (origami) ci sono! E più della metà sembrano veri!!! :S

La ragnatela l’ho realizzata annodando tra loro dei semplici fili di lana nera (che con mia enorme sorpresa, il mattino dopo, ho scoperto essere blu…queste sono le conseguenze di fare le cose all’ultimo minuto la sera prima).

Buon Halloween a tutti!!! 🙂

Tutorial ghirlanda di foglie

Siamo a – 8 giorni da Halloween e il clima si fa sempre più autunnale (almeno, qui a Torino è così)

In questo post vi propongo un tutorial semplice e veloce di una sberluccicante ghirlanda di foglie per agghindare la vostra casa, il vostro ufficio, il vostro cane…insomma, quello che più vi piace!
Io le userò per decorare il gazebo in vista del mercatino di questa domenica (al quale ovviamente vi invito calorosamente) 🙂

Per realizzarla occorrono:

– Un po’ di foglie (finte o vere, è a vostro discapito…le mie sono finte per non rischiare che tra un mercatino e l’altro si sgretolino)

– Colla vinilica 

– Pennello

– Brillantini con colori autunnali

– Lacca per capelli

Per chi conosce Art Attack, avrà fatto questo tipo di passaggio un miliardo di volte.
Per chi invece non lo avesse mai fatto, ve lo spiego in poche parole: spennellate la foglie con abbondante colla vinilica, spargeteci sopra i brillantini e lasciate asciugare.

Mi raccomando: fatelo su un foglio pulito in modo tale che alla fine di tutto potrete recuperare la polverina in eccesso. 
Infatti non vi spaventate se per due foglie vi sembrerà di aver utilizzato tutto il tubetto.
In realtà solo il 2 % si attaccherà alla foglia. Il restante 97 % sarà la “polverina in eccesso”.
Avrete notato che 97 + 2 fa 99… e l’un per cento dov’è finito??
OVUNQUE!!! Sulle mani, sui vestiti, nella pasta, sullo spazzolino, nelle mutande…Insomma, per qualche giorno avrete brillantini per tutta la casa.

Quando la colla sarà completamente asciutta, scuotete leggermente la foglia e fate cadere sul foglio i brillantini in eccesso.

Ed ecco a voi la vostra foglia glitterata!!! (ve l’avevo detto che era un progetto semplice e veloce)

E ora un piccolo trucco: per evitare che di avere la casa piena di brillantini per i prossimi 10 anni, spruzzate le foglie con un po’ di lacca per capelli. Va bene qualsiasi tipo di lacca (la mia è tra le più scadenti presenti sul mercato). 
Io  ho dato due mani per ogni foglia per essere più sicura.

Infine legatele tra di loro con un filo et voilà!!

10 idee per zucche alternative


Ecco il secondo post a tema Halloween (il primo lo trovate qui).

Tra i ragni, i fantasmi, i pipistrelli e gli scheletri non può certo mancare la zucca (o il Grande Cocomero per citare un grande!) chiamata anche Jack O’ Lantern in America. 

L’usanza dell’intaglio della zucca è legata alla leggenda irlandese (che io ho sempre pensato fosse americana) che si è tramandata poi in molti paesi di tradizione anglosassone (ah, ecco che i conti tornano).
Ma dato che avevo iniziato a trascriverla ed risultata un mattone noioso, vi rimando a questo divertente post.

Per chi non avesse voglia di leggerlo riassumo in breve:
parliamo di Jack (da qui il nome Jack O’ Lantern…chissà perché i nomi delle leggende sono sempre fighi…e inglesi….vi immaginate come sarebbe stato qui? Giacomo con la Lanterna!!!).

Jack, furbo e ubriaco, (con qualche lontano parente italiano) non vuol pagare la tassa con il Diavolo e gliene combina di tutti i colori.
Il Diavolo si rompe i maroni e gli concede un accordo: Jack non andrà all’Inferno se la smetterà di rompere le scatole (se c’erano a quei tempi)
Jack muore.
Il Paradiso non lo vuole.
Il Diavolo gli rammenta l’accordo (e poi uno così tra i piedi non lo vorrebbe comunque).
Jack ce l’ha in quel posto ed è costretto a vagare sulla Terra alla ricerca di un rifugio (mozzone!) e per farsi caldo e luce utilizza un tizzone ardente (gentilmente offerto) che, da persona intelligente, infila in una rapa (che poi per crisi è diventata una zucca).
Gli abitanti della Terra, per evitarsi un pezzente ubriacone sul divano di casa, devono mettere davanti alla porta, al posto del cartello “Fuori dai piedi”, una lanterna (e farsi pure il mazzo a costruirla).

Da qui nasce la tradizione di intagliare le zucche.
Per chi come me ci ha provato e poi ha scoperto che anche la zucca va a male e non la puoi tenere in eterno, ancora meno nell’armadio (ci ho messo giorni a fare andare via la puzza) può limitarsi a dipingerla o a decorarla nei più svariati modi.

Ecco qui alcune idee per decorare o intagliare le zucche in modo alternativo.

Pinterest

Pinterest

Smith & Ratliff

Boxy Colonial

Smith & Ratliff

Instructables
Hometalk

Martha Stewart

Pinterest

8 Modi per riciclare le cannucce

E’ tempo di estate, di mare, di bibite fresche…
A proposito di bibite, fate attenzione a tenere da parte le cannucce, non sia mai potessero servire! 

Ecco 8 modi originali per riciclare le cannucce di plastica!!!
Per gli amanti delle piante, ecco un modo carino per realizzare un bellissimo giardino volante!

 Brit + Co

Per chi invece vuole essere sempre alla moda e indossare gli accessori più trendy ecco la soluzione ideale.

The Crafty Sister
Pinterest
 Un modo originale per esporre i vostri biglietti da visita (ne avevamo già visto uno qui)
Wants and Wishes

E per le foto dell’estate, che ne dite di queste cornici molto semplici e veloci da realizzare per colorare la vostra casa?!?

The Tomka at Studio

Potete decorare casa anche con queste figure geometriche 🙂 Un’idea da tener presente per l’albero di Natale!

Pinterest
E sempre parlando di Natale, che ne dite di abbellire il vostro pacchetto facendo un po’ di riciclo?!?

Papermash
Infine, ultima chicca! Per chi ha i capelli ricci e li vuole ancora più ricci ecco dei bigodi fai da te a costo zero!!! 😀
Pinterest