Il mio primo mercatino: NIENTE PANICO! – Parte 1: Dove trovarli

Sta arrivando l’estate e la stagione dei mercatini è già iniziata.
Se stai leggendo questo post, probabilmente hai deciso di partecipare al tuo primo mercatino e anche tu stai entrando nel panico. Non ti preoccupare! E’ assolutamente normale.

Voglio raccontarti la mia esperienza personale e quello che ho imparato nei due anni che ho partecipato a vari mercatini.
L’idea mi è venuta nel momento in cui ho ripensato al mio primo mercatino. Quando ho cominciato, mi avrebbe fatto piacere trovare una specie di guida che mi desse una dritta su alcuni punti, ma non ce n’erano e quei pochi articoli che ho trovato erano molto generici.
Per questo motivo ho deciso di iniziare una piccola rubrica sull’argomento chiamata “Il mio primo mercatino: NIENTE PANICO!

Gli articoli saranno quattro e parleremo di:
–  Mercatini: dove trovarli
– Cosa devo portare? Lista degli indispensabili
– Come esporre i tuoi prodotti
– Packaging e cura del cliente

dove trovare un mercatino

Una premessa prima di cominciare: prima ancora di domandare dove puoi trovare dei mercatini o come fare a esporre o cosa ti devi portare, chiediti: Perché ho intenzione di partecipare a un mercatino?

L’unica risposta possibile è: perché mi diverto!
Fare un mercatino non è da tutti. Ti deve piacere.
Se sei una persona introversa, a cui non piace parlare e interagire con le persone, il mercatino non fa per te. Ma questo non vuol dire che devi rinunciare alla tua attività. Ci sono tanti altri modi per vendere i tuoi prodotti: l’e-commerce, il conto vendita, il passaparola.
Partecipare a un mercatino vuol dire svegliarsi alle 5 dopo aver dormito 2 o 3 ore, stare in piedi e al freddo (se d’inverno) per più di 12 ore, parlare con le persone, prendersi tanti complimenti ma anche tanta maleducazione, arrivare a casa passate le 9 e dover ancora scaricare la macchina e sistemare tutto.
E dopo tutto questo, essere esausti ma contenti della giornata passata, delle persone incontrate.
Insomma, il mercatino è per persone forti e determinate.

Dove trovo il mercatino?

Ora partiamo con l’argomento di oggi: dove trovo il mercatino?
La risposta non è semplice, perché dipende dalla città in cui vivi, e se sei agli inizi, è normale non sapere dove sbattere la testa. Tante volte mi è capitato di venire a conoscenza di un mercatino solo dopo aver  visto la locandina ed era ormai troppo tardi per partecipare.

Quello che puoi fare, però, è segnarti il nome e metterti in contatto con gli organizzatori per sapere se faranno altri eventi simili oppure per giocare d’anticipo sull’edizione successiva.

I mercatini si dividono in tre categorie:

LA FESTA DI VIA
E’ un evento che viene organizzato soprattutto nelle grandi città in collaborazione con le associazioni commercianti. Sono all’aperto (quindi se piove perdi la cifra che hai pagato) e generalmente ci sono bancarelle di artigianato, di hobbisti, le bancarelle degli stessi negozianti che mettono i loro prodotti su strada, oltre ai soliti banchi di roba da mangiare.Il costo per partecipare di solito  varia tra i 20 e i 50 euro a seconda dell’evento e dello spazio che richiedi. Per sapere quali feste di via ci sono nella tua città rivolgiti al comune o direttamente alle associazioni commercianti per sapere a quale azienda si appoggiano per organizzare l’evento.
Io te ne indico alcune per la città di Torino: Associazione Effetto Vintage / Stramercatino

LA SAGRA O FIERA DI PAESE
Ne esistono di ogni tipo: dalla sagra del tartufo a quella della lumaca…
Anche queste sono all’aperto e puoi trovare banchi di artigiani e  hobbisti, banchi specifici della sagra con prodotti tipici sia alimentari che no, spazi per l’intrattenimento musicale.
Come le feste di via cittadine, il costo corrisponde solitamente a quello del suolo pubblico, quindi tra i 20 e i 50 euro. Può capitare a volte che sia addirittura gratuito, ma è molto raro.
Metti in conto che però le sagre generalmente durano più giorni, quindi parteciparvi vuol dire anche dormire e mangiare fuori. (Per esempio la Fiera dell’Artigianato di Pinerolo dura 4 giorni)
Sempre parlando per Torino e la regione Piemonte, puoi fare riferimento a questo sito per contattare i vari organizzatori.

I MARKET
Questi sono quelli considerati i mercatini fighi perché ospitano una selezione, a volte curata altre no, solo di artigani e brand. La maggior parte delle volte sono al coperto (quindi non perdi nulla se piove).
In alcuni, come il Sunday Market a Vicenza, puoi partecipare solo se hai la partita IVA.
Questi eventi sono molto costosi, e generalmente durano un giorno o al massimo due.I prezzi variano dai 60 euro ai 150 euro. Generalmente sono comprensivi di corrente elettrica e molte volte ti forniscono tavoli e sedie con un prezzo aggiuntivo.
Paola Tartaglino sul suo blog We Make a Pair, ha fatto una lista dei migliori market in circolazione per ogni stagione.

Consigli

ATTENTA AI TUOI INVESTIMENTI
Visto che sei agli inizi e non sai ancora se la vita da mercatinara ti piacerà e se i prodotti che vendi piaceranno al tuo pubblico, scegli un mercatino con un costo moderato.
Quando ti sentirai pronta e più sicura sarà il momento per gli investimenti più grossi.

SCEGLI I MERCATINI DI SETTORE
Evita come la peste quei mercatini in cui sono presenti anche banchi del mercato e banchi dell’usato, perché le persone sono pigre e fanno molta fatica a distinguere i prodotti fatti a mano da quelli industriali. Il loro unico metodo di paragone è il prezzo, ed è ovvio che se finisci in mezzo ad altre persone che vendono magliette usate a 2 euro, tu parti svantaggiata.

VAI IN AVANSCOPERTA
Fatti  un giro all’evento prima di decidere se partecipare. Guardati intorno, guarda che tipo di bancarelle ci sono, da chi è frequentata la zona, se è stato ben pubblicizzato, se è molto frequentato oppure se c’è il deserto,  il tipo di clienti che potresti trovare.

BUTTATI SENZA PAURA
Prova!
A volte, anche prendendo tutti gli accorgimenti necessari, potresti lo stesso fare un fiasco.
Ci sono molte variabili che denotano la riuscita del mercatino (ovvero se gli incassi superano le spese) e non sempre dipendono da te.
A volte mi è successo di porre tanta fiducia in mercatini e uscirne con un’enorme delusione. E al contrario, di avere successo in mercatini ai quali non davo due lire.
Buttati senza paura e prova a partecipare!

Spero che questo primo articolo ti sia stato utile.

Se ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici.
Se hai già fatto esperienze di mercatini e vuoi aggiungere qualcosa o raccontare la tua esperienza, lascia un commento qui sotto.

La prossima volta parleremo di cosa devi assolutamente portarti dietro quando partecipi a un mercatino e ci sarà una lista degli indispensabili da scaricare tenere sempre a portata di mano 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *