DIY: Le uova fiorite – Per una Pasqua che sa di Primavera

Tutorial diy come decorare uova di pasqua
Mancano pochissimi giorni alla Pasqua e se sei ancora in alto mare con le decorazioni, ti propongo un tutorial per realizzare delle uova fiorite che sanno di Primavera.
Perché che Pasqua sarebbe senza le uova?!

Puoi usarle per decorare la tua casa o la tua tavola in perfetto stile pasquale.
Oppure puoi realizzare tante uova fiorite quanti sono i tuoi invitati e usarle come segnaposto (scrivi sulla foglia il nome della persona) che a fine giornata può diventare un regalino da lasciare ai tuoi ospiti per ricordare i bei momenti passati insieme.

Pronta? Iniziamo!

OCCORRENTE:(per realizzare un segnaposto)
– Un uovo
– Una ciotola
– Una siringa con l’ago (per svuotare l’uovo)
– Uniposca bianco (o del colore acrilico e un pennello)
– Fogli colorati (va bene la carta da fotocopie)
– Fil di ferro
– Tronchesina
– Forbici
– Colla

Inizia svuotando l’uovo. Fai un buchino sulla punta dell’uovo facendo attenzione a non romperlo. Puoi aiutarti utilizzando un chiodo e un martello.
Per evitare di fare due buchi nell’uovo e svenire per iperventilazione soffiando fuori albume, tuorlo e pulcino, ti svelo un trucchetto che ho scoperto un po’ di tempo fa sul web. Prendi la siringa, riempila di aria e insuffla lentamente nell’uovo. Vedrai che uscirà tutto il contenuto senza alcuno sforzo.
Una volta svuotato bene l’uovo, risciacqualo più volte con l’acqua e un po’ di aceto bianco (che aiuta a far andare via la puzza), sempre aiutandoti con la siringa, finchè non uscirà acqua pulita.
Lascia asciugare per qualche minuto.


Decora l’uovo con l’Uniposca facendo dei puntini in ordine sparso.
Lascia asciugare tutto e nel frattempo prepara il fiorellino da mettere nell’uovo.
Prendi un foglio del colore che più ti piace e taglia 5 rettangoli di 4×5,5 cm (oppure dividi un foglio A6 in 8 parti). Saranno i petali del fiore.
Piega ogni foglietto seguendo le istruzioni qui sotto. Provo a spiegartelo anche a parole, ma è più semplice guardando le foto.
Piega il foglio a metà sul lato corto e riapri; poi piega a metà sul lato lungo e riapri.

Clicca sulla foto per ingrandirla

Piega i due lati lunghi verso il centro e riapri.
Fai una piega diagonale che parta dalla piega centrale del rettangolo. Per farla, fai combaciare  un angolo con la piega più esterna.

Clicca sulla foto per ingrandirla

Ripeti l’ultimo passaggio per tutti gli angoli. Richiudi i lati verso il centro.
Adesso devi rinforzare le pieghe che hai fatto prima. Per farlo piega ogni angolo seguendo la traccia della piega che hai fatto in precedenza (la piega diagonale che parte dal centro).
Riapri i lati.

Clicca sulla foto per ingrandirla

Adesso devi fare quella che si chiama una piega rovesciata nei due angoli opposti del rettangolo: segui le foto, perchè questo passaggio è veramente più facile a vedersi che a dirsi.

Clicca sulla foto per ingrandirla

Una volta fatte queste due pieghe rovesciate, nascondi le alette che sporgono dalla linea centrale inserendole all’interno.
Piega a metà seguendo la traccia che già hai.

Clicca sulla foto per ingrandirla

Smussa gli angoli del petalo piegando gli angolini verso il centro. Riapri e nascondi gli angolini all’interno, facendo di nuovo una piega rovesciata.

Clicca sulla foto per ingrandirla

Il primo petalino è finito. Ripeti tutti i passaggi anche con gli altri 4 foglietti.
Incolla i petali uno con l’altro applicando la colla sulle alette e inserendole nelle taschine che trovi su ogni petalo. Et voilà, la corolla del fiore è pronta!

Clicca sulla foto per ingrandirla

Per realizzare il pistillo, prendi una strisciolina di carta e fai delle frange con le forbici. Lascia un po’ di spazio dal bordo in modo da poter applicare la colla.

Taglia un pezzetto di fil di ferro un po’ più lungo del tuo uovo: ci servirà per fare il gambo del fiore. Arrotola la strisciolina intorno al filo e incollala. Inserisci il filo di ferro col pistillo nella corolla.


Prendi un’altro foglio di carta, piegalo a metà e ritaglia una foglia.


Incolla la foglia sul gambo del fiore.


Ora non ti resta che inserire il fiore all’interno dell’uovo e il tuo uovo fiorito è pronto.
Per farlo stare in piedi puoi inserirlo in un porta-uovo o in una tazzina, oppure puoi fare un piedistallo con una striscia di cartoncino.

Uova di pasqua decorate Tutorial
Se ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici e divertiti a invadere la casa di uova e di fiori 🙂

Diy per decorare uova di pasqua

 

DIY: L’acchiappasogni di primavera – Perchè i tuoi sogni sono importanti

E’ arrivata la Primavera, anche se il tempo burlone fa finta che non sia così (a Torino si passa dai 25° ai 10° così, a caso).
Quello che mi piace di più di questa stagione è assistere al fenomeno della rinascita. Mi entusiasmo come una matta vedendo gil alberi cominciare a ripopolarsi di piccole foglioline e di fiorellini timidi.
E’ il momento giusto per riflettere sul futuro e vedendo la natura risvegliarsi viene voglia anche a me di uscire dal letargo. Arrivano nuove idee, emergono nuovi desideri e progetti.

Molte volte però, questi desideri sembrano irraggiungibili. C’è sempre quella vocina nella testa che dice “Seee, ma dove vuoi andare!”.
Non so tu, ma io di sta vocina indisponente mi sono stufata.
Ho deciso che i miei sogni sono importanti, e non voglio accantonarli solo perchè una piccola me spocchiosa, frutto della mia immaginazione, ha deciso che sono troppo ambiziosa.
Io lo scrivo questo sogno. Nero su bianco!

Però, non volevo scriverlo su un semplice foglietto di carta che poi, sicuramente, avrei perso. Volevo qualcosa che custodisse il mio desiderio, che gli desse importanza, che stesse sempre lì a dirmi “Il tuo sogno c’è, è qui, tranquilla!”.

Per questo motivo ho rubato della lana dalla scorta della Grande Madre Ravanella (shhh…non diteglielo) e ho realizzato un Acchiappasogni di Primavera!
E’ colorato, ha le nappine e un sacco di fiori: chi meglio di lui per tenere al sicuro i miei sogni?!?

tutorial acchiappasogni origami
Vuoi realizzarne uno anche tu?
Se vuoi mettere fine a quella maledetta vocina impostora che alberga nella tua testa e non far volare via i tuoi desideri più belli, non ti resta che seguire il tutorial qui sotto 🙂

OCCORRENTE:
– 1 cartoncinoi bianco sul quali stampare il template (che trovi in fondo alla pagina)
– 9 quadrati di carta origami di 7,5 cm per lato (va bene anche la carta da fotocopie colorata)
– ago da lana
– lana colorata
– 1 cerchio di metallo di 25 cm di diametro
– 1 cerchio di metallo di 12 cm di diametro
– 3 perline di legno
– colla
– forbici

Occorrente acchiappa sogni DIY
Per prima cosa, rivesti i due cerchi di metallo con la lana colorata.

acchiappa sogni paaso 2

acchiappa sogni paaso 1
Sistema il cerchio piccolo all’interno di quello grande nella posizione che più ti piace. Per facilitarti il lavoro che dovrai fare dopo, fissa i due cerchi insieme con un pezzetto di filo che poi toglierai una volta finito.
Adesso, per creare la struttura dell’acchiappasogni, avvolgi della lana di un altro colore sui due cerchi, in modo da formare uno zig-zag. Puoi scegliere se usare un solo colore oppure due colori insieme come ho fatto io.

acchiappa sogni paaso 2
Procedi in questo modo fino a ricoprire completamente i cerchi. Gioisci selvaggiamente perchè sei arrivata praticamente a metà del tutorial! 🙂

acchiappa sogni paaso 3
Prendi i quadrati di carta, piegali un numero non definito di volte e realizza 9 tulipani origami.
Per aiutarti, guarda il video di Jo Nakashima: spiega bene e in maniera chiara.

acchiappa sogni paaso 4
Riprendi la lana e realizza delle nappine grandi all’incirca 6/7 cm. Se non hai mai fatto una nappina in vita tua (dammi il cinque! Siamo in due) puoi aiutarti guardando questo video.
Fai solo attenzione di lasciare il filo che tiene la nappina un po’ lungo, perchè ti servirà.

acchiappa sogni passo 5
Appunto! Nel filo che tiene la nappina infila una perlina di legno e tre tulipani origami. Aiutati con un ago da lana per evitare di sclerare inutilmente.
Ripeti questo procedimento (nappina – perlina – tulipani) per tre volte.
Et voilà, le frange dell’acchiappasogni.

acchiappa sogni passo 6
Lega le frange all’acchiappasogni alla distanza che più ti piace e taglia il filo in eccesso.

acchiappa sogni passo 7
Ho realizzato il template di un fiore (che puoi scaricare gratuitamente al fondo della pagina) sul quale scrivere il tuo sogno.
Stampa il template del fiore su un cartoncino e ritaglia le due sagome seguendo la linea tratteggiata.

acchiappa sogni passo 8
Sul retro della sagoma bianca, ferma un pezzo di filo con dello scotch. Poi, incollaci la sagoma colorata sopra.

acchiappa sogni passo 9
Ora il momento più bello: scrivi dietro al fiore il tuo desiderio – sogno – progetto.
Scrivilo a colori, in bianco e nero, a caratteri cubitali, piccolo piccolo…scrivilo come più ti piace, ma scrivilo! 🙂

acchiappa sogni passo 10
Infine, come ultima cosa, attacca il fiore all’interno del cerchio piccolo legando le due estremità del filo all’acchiappasogni.

acchiappa sogni passo 11
Ta-daaaa! Il tuo Acchiappasogni di Primavera è finito!
Appendilo nella tua camera, nel tuo laboratorio o nel tuo posto di lavoro (se ti è permesso).

E ricordati: anche se ci saranno momenti in cui il tuo sogno di sembra lontanissimo, che ti stia sfuggendo di mano, non vuol dire che non riuscirai a realizzarlo.
L’hai scritto su un fiore, l’hai attaccato ad un acchiappasogni. Stai tranquilla che da lì non scappa 😉

Tutorial acchiappasogni diy

Se ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici e se vorresti trovare qui sul blog delle idee per realizzare qualcosa di semplice e veloce per un’occasione in particolare (Pasqua, Natale, compleanno…) fammelo sapere nei commenti che io mi attiverò 😀

acchiappa sogni free download

L’amore in provetta – Un’idea per tirarti su quando ti senti giù

cuori origami con frasi motivazionali
San Valentino si avvicina e in giro cominciano a sentirsi le solite frasi che accompagnano questo giorno: è una festa commerciale, serve solo per arricchire fiorai e cioccolatai, una persona bisogna amarla tutto l’anno non solo a San Valentino…ormai se ne sentono di tutti i colori.
E poi c’è la fatidica frase “Sono single! Che me frega a me di San Valentino!”.

Pensavo le stesse cose anch’io. Poi, però, ci ho riflettuto e sono arrivata alla conclusione che è vero che San Valentino è tutta quella roba là, però, per quelle come me a cui è rimasto solo il dolce (senza metà), beh, è lo stesso un buon momento per  riflettere su tutte le cose che ami di te stessa (che a volte, presa dalla quotidianità, dai per scontate).
Devi credere in te stessa e dirtelo, sempre.
Amare te stessa vuol dire essere gentile, fare cose carine per te, perdonare e vedere la bellezza in quello che sei veramente.

Pensando proprio a questo tema mi è venuta in mente un’idea carina da realizzare con poco: un barattolo pieno di cuori, ovviamente origami, ognuno con scritto dentro un messaggio d’amore.
E’ il regalo perfetto che puoi farti da tenere sempre pronto per quei momenti di tristezza assoluta e di scarsa autostima.
Ti senti uno schifo anche se non sai bene il perchè?
Prendi il tuo barattolo, estrai un cuoricino e leggi la tua frase del giorno. Sicuramente, dopo aver letto una frase ispirante e motivazionale, ti sentirai un pochino meglio 🙂

barattolo di cuori origami - amore in provetta

In realtà non è propriamente una provetta (l’ho cercata ma non l’ho trovata, sigh)

Realizzare il tuo barattolo è molto semplice.

OCCORRENTE:
– 1 barattolo qualsiasi (anche quello della Nutella finita va bene)
– Carta origami o carta da fotocopia colorata (o bianca e poi la colori tu)
– Forbici

Prendi un foglio, ritaglia dei rettangoli di 15 x 3,5 cm e piega questi cuoricini seguendo le istruzioni del video qua sotto.

Puoi aggiungere dei cuoricini 3D e dei cuoricini semplici nel tuo barattolo per farlo straripare di amore.


“E ora che ho il barattolo con i cuori, cosa ci scrivo dentro?”
Scrivici delle citazioni che ti piacciono particolarmente e che ti fanno stare bene, dei messaggi a te stessa da te stessa e se non hai proprio idee puoi prendere spunto da quei siti di raccolte di frasi motivazionali (per esempio questo, questo e questo).

tutorial cuori di carta per l'autostima
Se ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici e professa l’autostima e l’amor proprio nel mondo. Tutti ne abbiamo bisogno 🙂

DIY: Biglietti per San Valentino facili e veloci

Una cosa che mi è sempre piaciuto fare, fin da bambina, è realizzare i biglietti personalizzati per qualsiasi occasione. Mi ingegnavo per trovare sempre un’idea nuova e originale, perchè quei biglietti che trovi al supermercato con la faccia di una mucca e una frase di circostanza li trovavo molto banali (e anche un po’ orrendi).
Mi ricordo che una volta, come biglietto di compleanno di una mia amica, ho addirittura creato una specie di scatola (tipo questa) che aprendosi aveva vari scomparti con le foto di noi due e delle dediche speciali. Forse un po’ esagerato (era più grosso il biglietto del regalo), ma carino.

Insomma, data questa mia mania dei biglietti e l’avvicinarsi di una delle feste con maggior tasso cioccolatoso (escludendo Pasqua) dell’anno, ho pensato questo tutorial per realizzare due biglietti per San Valentino pieni di cuoricini e amore.

biglietti san valentino tutorial cuore origami
E’ facile, è veloce e c’è l’origami: la ricetta perfetta 😉

Cominciamo!

OCCORRENTE:
– 2 cartoncini bianchi sui quali stampare il template
– 4 quadrati di carta origami di 4,5 cm per lato (va bene anche la carta da fotocopie colorata)
– ago
– filo da ricamo
– colla
– forbici

occorrente tutorial biglietti san valentino

Scarica e stampa su un cartoncino il template per realizzare i tuoi biglietti di San Valentino (lo trovi al fondo della pagina).
Ritaglia con le forbici seguendo la linea grigia e butta nel cestino della carta gli avanzi (fare la raccolta differenziata è una buona abitudine 🙂 ).

tutorial biglietti diy san valentino
Buca con l’ago o con uno spillo in corrispondenza dei puntini.
Per evitare di rovinare il tavolo (fatto) o di bucarti un dito (fatto anche questo) metti qualcosa di morbido sotto: io, ad esempio, ho usato della gomma pane.

diy cuore origami card
Usa le tue doti ricamatorie per realizzare il ricamo su carta più bello della tua vita.
Per il biglietto “I love you” fai un nodo al filo e inizia a ricamare entrando dal foro in alto e uscendo da quello in basso. Procedi così per tutto il cuore e alla fine fai un bel nodo.

ricamo su carta biglietti san valentino
ricamo cuore origami tutorial biglietti san valentino
Per il biglietto con i tre cuoricini, il ricamo è a croce: esci con l’ago dal foro in alto a sinistra ed entri in quello in basso a destra; poi esci da quello in alto a destra ed entri in quello in basso a sinistra. E così via fino alla fine.

ricamo su carta tutorial valentine's card
ricamo biglietti san valentino
Con i quattro quadratini di carta realizza questo cuore origami.
Se ti trovi meglio con un video tutorial, guarda questo.

tutorial cuore origami carta
Incolla i cuoricini origami in corrispondenza dei cuori disegnati e piega a metà il cartoncino.

incollare cuore origami su biglietti san valentino
Et voilà!! Ora sei pronta per affrontare San Valentino e per infondere il tuo amore in ogni dove: scrivi una bella dedica o una frase del tuo libro preferito e regala questa piccola coccola alla persona a cui vuoi bene.

tutorial biglietti san valentino origami diy
Se ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici e divertiti a creare dei biglietti di San Valentino originali e pieni d’amore 🙂

P.s. Ti piacerebbe trovare più tutorial su questo blog?
Vorresti delle idee per realizzare qualcosa di semplice e veloce per un’occasione in particolare (Pasqua, Natale, compleanno…)?
Fammelo sapere nei commenti che io mi attiverò 😀

download template biglietti san valentino

Calendario di maggio

E’ arrivato Maggio, siamo nel bel mezzo della Primavera e qui a Torino sembra essere tornato l’inverno (quello fatto di coperte sulle spalle tipo nonnina, calzettoni di lana e pigiami di pile imbarazzanti).
Sarà un mese particolare (chi è iscritto alla newsletter già lo sa) perciò il mio consiglio è: tieni d’occhio il 13 maggio!

Nel frattempo goditi questo calendario fresco e giapponese-style fatto di koi fish (o più semplicemente carpe…ma koi fish sa più di esotico) e ninfee galleggianti 😀

calendario desktop origami maggio 2016 ravanello

Ecco i diversi formati in cui puoi scaricare il calendario di Maggio (i primi due vanno bene per telefoni e tablet):

Dalla carta al gioiello

Ti ho mai raccontato come nascono i miei bijoux?
Beh, allora è arrivato il momento di raccontarti tutta la storia dall’inizio!

origami colorati per orecchini ravanello

Tutto comincia con la Ricerca: in perfetto stile Idiana Jones mi lancio in una crociata sul web (o sui libri) per spulciare tutte le meraviglie origami custodite nell’attesa che mi si accenda una lampadina.

Quando trovo il modello che mi ispira, il percorso che mi attende prima di farlo diventare una nuova collezione è ancora molto lungo.
Infatti inizia la fase della Sperimentazione: provo a realizzare l’origami prescelto in grande e poi via via sempre più piccolo e vedo cosa succede. Se riesco a piegarlo e il capo approva (che poi sono sempre io) passa la selezione! (altrimenti, ahimè, finisce dritto nella raccolta carta)

palline origami colorati ravanello

Come sono nati i RavaPops?

Adesso arriva il momento più divertente: la Scelta della Carta.
Prendo i due tavoli sbilenchi che ho in laboratorio, li unisco per formare un unico grande tavolo traballante e ci riverso sopra tutta la carta accumulata in questi anni (e ti assicuro che è tanta): carta chyogami, carta kami, carta da pacchi, carta da fotocopie, carta regalo, carta di riviste…da RavaNello tutta la carta è benvenuta! 😉

carta-origami-giapponese-ravanello

Carta che passione!

Scelgo i colori, li abbino, li accosto e finalmente inizia la parte pratica: la Piegatura della Carta.
Anzi, in realtà prima la taglio nella misura che mi serve (e puntualmente, ogni volta, mi scordo le dimensioni e mi tocca smontare il prototipo e farmi tutti i calcoli) e inizio a piegare.
Nonostante le dimensioni microscopiche piego con le mani eh, mica con le pinze! (ho le ditine piccole).

virginia landro al lavoro origami ravanello

Piegando e assemblando tutti i pezzi dei RavaPops

E adesso dirò una blasfemia, una parola talmente brutta che ogni volta che si pronuncia un origamista da qualche parte si sente male: COLLA. Aaaaaaah (urlo di donna)
Sì, uso la colla, perchè non voglio mica che ti si smonti l’orecchino mentre sei a cena con il tuo principe azzurro!
Ma non basta. Per rendere i miei origami solidi e duraturi li tratto con una vernice plastificante che li indurisce e forma una patina che resiste all’umidità e al sudore.

origami verniciati work in progress ravanello

Impalati e verniciati

Infine, last but not least, il Montaggio: una fase di amore e odio dalla quale escono poi i gioielli veri e propri. (Odio perchè puntualmente finisce il componente o il colore di perline che guarda caso mi serviva)
Ma nonostante i piccoli inconvenienti assolutamente casuali e non dipendenti dal fatto che mi dimentico sempre di fare l’inventario delle cose che mancano, mi illumino di felicità quando vedo finalmente l’idea che avevo in testa prendere forma tra le mie mani.

orecchini-pendenti-viola-origami-ravanello

RavaPops Collection – Violet Triangle —> Scoprili su Etsy!

Così nascono tutti i miei bijoux ed è così che è nata la nuova collezione: i RavaPops, gioielli per persone allegre e scoppiettanti che fremono dalla voglia di sbocciare 🙂

Per il nome ringrazio infinita
mente tutte le persone che mi hanno dato un grandissimo aiuto su post di Facebook. Tra i tanti nomi bellissimi ha vinto quello di Laura di Vivere a Piedi Nudi.

E tu che mi dici? Ti è piaciuta la mia storia?
La prossima volta ti racconterò anche da dove nasce l’idea di utilizzare i negativi fotografici 😀

orecchini rosa con pellicola fotografica ravanello

RavaPops Collection – Pink Wave —-> Scoprili su Etsy!

 

orecchini-pendenti-verdi-pellicola-fotografica-origami-ravanello

RavaPops collection – Green Moon —> Scoprili su Etsy

Calendario di Aprile

Aprile, nonostante questo tempo pazzerello è iniziato nel migliore dei modi.
Sto scrivendo questo post dal III Convegno di Origami, Dinamiche Educative e Didattica organizzato dal Centro Diffusione Origami, tre giorni dedicati all’origami applicato alla matematica e all’architettura e usato come supporto all’insegnamento.
Perché l’origami non è solo un semplice gioco con cui intrattenere i bambini alla fine di un pranzo di famiglia.

L’origami è qualcosa di magico e non si può non stupirsi quando da un umile e semplice foglio di carta nasce una farfalla che comincia a volare per la stanza.
In effetti il processo dell’origami è proprio come la metamorfosi della farfalla: da un foglio/bruco un po’ bruttino e insignificante, dopo un processo di trasformazione formato da attimi interminabili, esce una meravigliosa creatura destinata a durare poco più di un soffio di vento.
Starete pensando “Ammazza, alla ragazza i convegni fanno male!”

Come inno alla Primavera, che ormai avrete capito che mi piace tanto, Metamorfosi sarà la parola che mi accompagnerà per tutto il mese a cominciare dal consueto e ormai tanto atteso appuntamento: il Calendario di Aprile!
Inondiamo quindi i nostri desktop di farfalle, bruchi, foglie e fiori! 🙂

calendario free printable aprile farfalle origami ravanello

Ecco i diversi formati in cui potete scaricare il vostro calendario (i primi due vanno bene per telefoni e tablet):

Calendario di Marzo

Marzo è iniziato alla grande: sole e un venticello che fa già sognare la primavera.

Mi sento piena di energia, sarà l’idea dell’arrivo della nuova stagione 🙂

Il nuovo mese inizia anche con il nuovo calendario.
Realizzarlo è stata una sfida…no, diciamo più una sofferenza che si è conclusa in modo positivo.

Erano gli inizi di Febbraio ed ero come al solito disperata perché non avevo la più pallida idea di cosa mettere in questo benedetto Marzo. A fine mese c’è la Pasqua, quindi conigli, galline e pulcini erano banditi: troppo scontati.
L’idea mi è venuta dopo giri di pensieri con una logica non bene identificata mentre stavo lavorando a un altro progetto.

SBAM! (le idee arrivano sempre così): papere, il mese di marzo lo dedico alle papere!

E giù a cercare papere origami (oripapere)…ne avrò viste almeno una cinquantina in tutte le lingue. Fin qui è stato abbastanza semplice come tutte le altre volte.
Ma dall’idea alla realizzazione non è mai semplice. Infatti, vedere la foto della papera bellissima e immaginarsela sul proprio calendario è un conto. Provare a farla una decina di volte e scoprire che ti esce sempre un aborto è un’altra.
Insomma, ho passato tre giorni a fare aborti di papere (papeborti), e alla fine, dopo aver sofferto tantissimo ed essere stata cacciata dall’associazione animalisti per maltrattamento di animali di carta, ce l’ho fatta!

Il Calendario di Marzo, con Mamma Papera e i suoi paperetti è pronto ed è tutto per voi 🙂

image

Ecco i diversi formati in cui potete scaricare il vostro calendario (i primi due vanno bene per telefoni e tablet):

 

Enjoy!

Biglietti per San Valentino

“Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere” (Emily Dickinson)

cuore origami san valentino ravanello
Vi siete mai chiesti quand’è stata l’ultima volta che avete scritto una lettera?
E l’ultima volta che ne avete ricevuta una?
Quand’ero piccina era un’abitudine scrivere letterine alla mamma e alla mia migliore amica per dirgli che gli volevo bene. E di rimando arrivavano delle letterine di risposta, tanto che mi ero costruita una finta cassetta della posta da appendere sulla porta della mia camera.
A volte erano lettere brevi, a volte semplici strappi di carta con su scritti T.V.B, ma l’emozione di trovarsi un pezzetto di carta svolazzante nella cartella (preventivamente nascosto) o di svegliarsi al mattino e ritrovarsi una busta nella buca delle lettere (assolutamente finta) era unica!

Oggi si è un po’ persa l’abitudine prendere carta e penna e scrivere a qualcuno che gli vogliamo bene. Eppure l’emozione di ricevere una Valentina, come le chiamava il grande Schulz, è tanta quanto la delusione di non riceverne neanche una.

peanuts valentine
Io quest’anno mi sono data da fare e ho pensato di realizzare dei biglietti d’amore da regalare a chi voglio bene.
Mi sono armata di cuori e colombelle, ovviamente origami, e mi sono sbizzarrita appicandoli ovunque.
Direi che sono pronta per l’arrivo di San Valentino 🙂

biglietti san Valentino cuori origami ravanello

 

biglietto auguri san valentino ape origami ravanello

 

biglietti auguri san valentino ravanello

 

Biglietti san Valentino colombe origami ravanello

 

biglietto cuore origami san valentino ravanello

Calendario di Febbraio

E’ arrivato Febbraio, il mese dell’amore.
Un amore che in questi ultimi tempi è molto discusso: chi dice che è giusto, chi dice che è sbagliato, chi dice che non è per tutti.

Io credo che l’amore sia universale, una relazione intima e personale il cui unico scopo è la felicità interiore.
E’ un sentimento che deve prescindere dai pregiudizi, perchè come diceva un grande intellettuale: “Chi è senza peccato, scagli la prima pietra”.
E’ una condizione istintiva che permette al lupo innamorato di ululare alla luna e al topino affamato di amare la sua fetta di formaggio.
Perciò, come diceva Sant’Agostino: “Ama e fa’ ciò che vuoi!”

Con questa premessa, un po’ più seria del normale, vi presento il Calendario di Febbraio, con protagonista un topino malato d’amore.

calendario febbraio 2016 free download ravanello
Ecco i diversi formati in cui potete scaricare il vostro calendario (i primi due vanno bene per telefoni e tablet):


E ricorda: la prima cosa da fare, prima ancora di amare qualcuno, è amare se stessi.